Il progetto Nodo Gordiano nasce all'inizio del 1994 dall'incontro tra Andrea De Luca (basso, voce), Alessandro Papotto (fiati, voce) e Tony Zito (batteria). La prima line up del gruppo, completata dall'arrivo del chitarrista Roberto Proietto e del tastierista Fabio D'Andrea, allestisce un repertorio di cover che va dai Genesis ai King Crimson ed esordisce dal vivo nell'ottobre dello stesso anno. Con una serie di concerti tra il 1995 e il 1996 la band comincia a farsi notare nell'ambiente delle radio private romane e Radio Rock presenta il Nodo Gordiano nelle principali manifestazioni live.
Nel 1997 il gruppo, tornato quartetto dopo l'abbandono del tastierista, compone e registra per fini promozionali il materiale che diventerà il primo album in studio omonimo, pubblicato nel 1999 dall'etichetta Lizard, e accompagna dal vivo John Wetton, eseguendo cover dei King Crimson.
L'anno seguente, trasformata la band in sestetto , collabora con il Banco del Mutuo Soccorso (esibendosi anche dal vivo con Francesco di Giacomo alla voce e Rodolfo Maltese alla chitarra), compare sulle reti televisive nazionali in occasione del trentennale del Banco e partecipa a diversi festival. Nel 1999, pochi mesi dopo l'uscita di Nodo Gordiano, Alessandro Papotto e Tony Zito abbandonano il progetto per dedicarsi ad altre attività musicali.
Nel 2002 Andrea incontra il batterista Carlo Fattorini  e il chitarrista Fabrizio Santoro. Prende così forma un trio, aperto, come nella tradizione della band, ad ogni forma di sperimentazione e collaborazione . Una registrazione in presa diretta del brano Lament dei King Crimson (che vede la partecipazione alle tastiere di Andrea Amici dei Leviathan) viene scelta nel 2003 dall'etichetta Mellow Records per il  tributo The Letters. Nel 2004 Fabrizio decide di abbandonare il progetto per dedicarsi al basso elettrico. La band, che già aveva cominciato a comporre del materiale per il nuovo album, si ricostituisce in forma di trio con l'ingresso del tastierista Gianluca Cottarelli. Dalle sessioni di improvvisazione ad alea controllata viene selezionato il materiale che andrà a comporre il secondo album in studio, Alea, impreziosito dal lavoro grafico della pittrice Carla Nico e pubblicato nel 2005 dall'etichetta Mellow Records.
Nel 2007 Andrea e Carlo allestiscono lo studio di registrazione nel quale prende forma il nuovo album Flektogon, pubblicato nel 2009 dall'etichetta AMS/Vynil Magic.
Al disco partecipano il sassofonista e flautista Franco Terralavoro e il soprano Silvia Scozzi.
Nel 2013, dopo il ritorno di Fabrizio Santoro alla chitarra, la band torna in studio per la realizzazione dell'album NOUS e per allestire un nuovo repertorio live.
L'album, sempre con la label AMS, è stato pubblicato il 3 Marzo 2014, anno in cui ricorrono i due decenni di attività della band..
| home | biografia | il gruppo | lavori | media | recensioni | contatti | guestbook |
webdesign: carlo fattorini